UNA SPECIAL FORMATO COPPA ITALIA

IMG-20150411-WA007 Questo fine settimana i nostri ragazzi della Special sono stati protagonisti di una due giorni di coppa Italia FISDIR, a Lazzate.
Sabato è stato il giorno dei gironi eliminatori. Il sorteggio ci assegna nel girone B con lo Sporting 4E, Fraternità e Amicizia e Arcobaleno Monza B.
Partiamo con il fattore sorpresa dalla nostra: nessuno ci conosce e non partiamo tra i favoriti.
La prima partita è con Fraternità e Amicizia: 4a3 per noi, tripletta di Stefano e gol da fuori di Simone. Tre punti.
La seconda partita con Arcobaleno Monza B: 4a3 per noi, tripletta di Stefano e gol di Simone all’ultimo minuto. Tre punti e matematicamente qualificati alle semifinali.
Terza partita per giocarci il primo posto con lo Sporting 4E: perdiamo 1a0, ma non abbiamo nulla da recriminare. Ci siamo impegnati al massimo delle nostre forze e capacità.
Avremmo voluto chiudere primi, cosi da affrontare la seconda del girone A.

La domenica è giorno di finale e il bivio è già nella prima partita, contro l’Arcobaleno Monza A. Se hanno vinto il girone ci sarà un motivo e lo dimostrano nei primi 10 minuti dove ci rifilano due gol. Non ci perdiamo d’animo. Rialziamo la testa e per tutto il secondo tempo tentiamo di agguantare la sperata finale, ma prima un palo poi una gran parata del portiere monzese fermano le nostre pretese, ma non il nostro carattere e cuore.

La squadra si stringe a sé per raccogliere le forze per l’ultima partita, la nostra finale per il terzo posto. Ritroviamo lo Sporting 4E, la nostra rivincita. Dopo due minuti di gioco subiamo un gol. Time out. Reset. Restart.
E che ripartenza. I mister suonano la carica, la squadra riparte, attacca e non molla un centimetro. Ogni pallone potrebbe essere quello buono.
A inizio ripresa rischiamo il tutto per tutto e la nostra audacia porta i suoi frutti e Stefano è rapido a insaccare di rapina. A due minuti dalla fine l’occasione per passare in vantaggio. Punizione dal limite. La barriera in posizione. Il missile da fuori passa, la palla è in rete, vantaggio raggiunto. Solo il tempo di un calcio d’angolo e arriva il triplice fischio, la vittoria e il terzo posto.

IMG-20150413-WA006ENZO: la fascia di capitano lo rende super. Sempre attento e vigile. In finale ci tiene a galla. Spider Man.
CLAUDIO: un libero vecchia scuola. Un passo davanti all’attaccante. La nostra linea Maginot.
RAFFAELLA: la prima partita dopo l’infortunio nel ruolo di Simona, assente giustificata. E meno male che non è allenata. Il furetto con il dono dell’ubiquita’.
DAVIDE: la sua rimessa laterale scalda le mani del portiere avversario da cui nasce il gol del pareggio in finale. Palla di fuoco.
MATTEO: una scheggia impazzita. Lotta su ogni singolo pallone, non va mai in riserva. La formica atomica.
MARCO: i mister gli chiedono sacrificio e corsa. Lui si sente alla Milan City Marathon. Locomotiva De vita.
SIMONE: gol di rapina e seppur condizionato da un infortunio corre su ogni pallone. Genio e sregolatezza.
STEFANO: otto gol in cinque partite. In finale si ritrova a dover partire dalla difesa e da li esprime un gran gioco e tutte le sue qualità. Bomber di razza.
SPECIAL: una squadra, un cuore, otto leoni.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam